CREMONA - Neanche il tempo di smaltire la nottata elettorale, e a Cremona è subito sfida aperta per il ballottaggio. Il 9 giugno l’appuntamento per il secondo round: il sindaco uscente Gianluca Galimberti e lo sfidante Carlo Malvezzi incroceranno metaforicamente le spade e si contenderanno la nomina a sindaco del capoluogo.

 

Il dato definitivo del primo turno vede Galimberti in vantaggio: 17mila i voti presi dal candidato del centrosinistra, contro i 15.300 di Malvezzi. Percentuale del 46.4 per il primo, e del 41.7 per il secondo. Un divario su cui però Galimberti non può fare più di tanto affidamento per il secondo turno, quando, come noto, i giochi partono praticamente da zero.

 

Entrambi i contendenti hanno parlato della sfida del ballottaggio con parole piene di entusiasmo. Per Galimberti «ciò che avverrà nei prossimi giorni sarà coinvolgere il maggior numero di cittadini possibile sapendo che la partita finisce quando l’arbitro fischia tre volte. Abbiamo ancora un lavoro fortissimo da fare e nutriamo una soddisfazione particolarmente forte per il risultato fin qui ottenuto. Da adesso ricominceremo a parlare alla gente, di idee ne abbiamo, abbiamo davanti 10 giorni intensi, ma bellissimi».

 

Malvezzi dal canto suo si è dichiarato «di nuovo in campo per giocare fino in fondo, con determinazione, la sfida elettorale fino al ballottaggio, rilanciando la proposta del centrodestra insieme agli amici e ai sostenitori della coalizione, cercando di convincere coloro che sono disponibili a confrontarvisi, a condividerla e ad arricchirla, dandoci una mano per ridare fiato alla nostra splendida città. Il Comune deve tornare ad essere la casa dei cremonesi, dove tutti devono trovare ascolto e sostegno reale. Vogliamo una Cremona viva e attrattiva, ricca di opportunità per i giovani e accogliente per le famiglie, vicina agli anziani e ai più deboli, una città dove le imprese trovino le migliori condizioni per prosperare, creando valore e lavoro. Per questo continueremo a batterci».

 

COMMENTI

Per commentare devi essere registrato. Clicca qui per registrarti.

Non ci sono commenti per questo articolo.