CREMA - Torna a Crema per la sua seconda edizione CloseUP, festival internazionale di circo contemporaneo, danza e video che il 20, 21 e 22 settembre 2019 accetta la sfida di valorizzare il patrimonio architettonico, storico e culturale della città attraverso lo spettacolo dal vivo, portando per la prima volta a Crema e in Italia alcune tra le realtà più affascinanti e raffinate della nuova scena europea, con spettacoli originali, ambientati nella Piazza del Duomo e in uno dei luoghi più suggestivi della città, il Centro Culturale Sant’Agostino, con i suoi chiostri medievali e con gli affreschi di Pietro da Cemmo che rappresentano il secondo cenacolo più importante della Lombardia.

Ideato e diretto da Mara Serina, CloseUP è realizzato con il sostegno e la collaborazione dell’Assessorato alla Cultura e al Turismo del Comune di Crema e del Museo Civico Cremasco, con il supporto organizzativo dell’Ufficio Attività Culturali, con il patrocinio della Regione Lombardia e il sostegno e la collaborazione del Circuito CLAPS, circuito multidisciplinare per lo spettacolo dal vivo in Lombardia, e del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali. CloseUP si svolge in contemporanea al festival Invideo “col quale condivide luoghi e tempi in un’ottica di ampliamento del ventaglio dell’offerta culturale”.

L’edizione 2019, interamente ad ingresso libero, vede a Crema in soli tre giorni 23 artisti di 6 differenti nazionalità (Italia, Francia, Gran Bretagna, Spagna, Paesi Bassi, Finlandia) con 14 eventi di cui 4 in prima nazionale e 5 creazioni site specifc per il festival, un workshop per adulti e bambini, due aperitivi con gli artisti.

Ad aprire CloseUP, venerdì 20 settembre alle ore 21 in prima nazionale sarà Azimut, un evento creato appositamente per la città dalla compagnia francese 9.81 che realizzerà una coreografia di danza verticale sulla parete della Torre Pretoria nella Piazza del Duomo. Si tratta di una delle compagnie più apprezzate a livello internazionale, che ha presentato le proprie creazioni in numerosi Paesi per valorizzare le architetture di alcuni dei monumenti più prestigiosi d’Europa. In Italia ha creato un progetto speciale per la Reggia di Venaria Reale. Appese a corde elastiche, sulle note jazz suonate dal maestro Gianni Satta, le danzatrici di 9.81 eseguiranno una coreografia studiata per la Torre Pretoria di Crema sulla quale in contemporanea verranno proiettate le opere d’arte realizzate dal vivo dal Collettivo VSRK, specializzato nel generare nuovi universi visivi unendo immagini video e live painting.

Lo stupore sarà d’ordine anche sabato 21 settembre con due eventi di grande impatto visivo: alle ore 21, nella Sala Pietro Da Cemmo presso il Museo Civico, arriverà in prima nazionale la compagnia inglese Joli Vyann, un duo acrobatico, insieme nella vita e sulla scena, che presenta il proprio cavallo di battaglia Lance moi en l’air, uno spettacolo magnetico in cui i corpi sono assoluti protagonisti con acrobazie che lasciano senza fiato e che si fondono alla dolcezza dei gesti quotidiani. Lance moi en l’air, mette al centro l’amore ed

esplora con grande poesia le fragilità, le contraddizioni e i desideri di una coppia, alternando eleganza, intimità e grande impatto visivo.

Alle ore 21.45 andrà in scena la compagnia francese Des Quidams con lo splendido FièrS à Cheval che ha aperto i festeggiamenti di Matera città Europea della Cultura e che ora arriva a Crema con CloseUP. Si tratta di un vero capolavoro che ha girato tutto il mondo e centinaia di città, portando ovunque l’atmosfera incantata di una fiaba, in cui gli uomini si trasformano in cavalli luminescenti alti più di tre metri pronti ad eseguire le loro evoluzioni e a danzare al comando di un domatore. Diviso in due parti, con una parata iniziale e uno spettacolo finale, FièrS à Cheval, che inizia in Piazza Duomo e termina al Sant’Agostino, è un evento spettacolare capace di colpire al cuore per la forza delle emozioni che sa scatenare.

Domenica 22 settembre la programmazione di CloseUP corre lungo tutta la giornata, dalla mattina alla sera, negli spazi del Sant’Agostino.

La mattina, dalle ore 10 nella Sala Pietro Da Cemmo è possibile prendere parte ad una preziosa esperienza, CORPOGIOCHIOFF di Monica Francia a cura di Cantieri Danza, un laboratorio per adulti e bambini (dai 5 anni) in cui giocare con il corpo e con la danza per scoprire che cosa significa vivere in una società dandosi delle regole, ascoltando prima di tutto se stessi per poi aprirsi agli altri. Il percorso è a posti limitati, per le iscrizioni scrivere a closeupfestivalcrema@gmail.com

Alle ore 16.00 al Sant’Agostino è in programma un vivace spettacolo di circo contemporaneo dedicato ai più piccoli e non solo, Dolce Salato della compagnia italiana Carpa Diem in cui due maldestri panettieri cercano di cucinare delle pagnotte sfidando la gravità e l’equilibrio: si arrampicano al palo cinese, si rincorrono col monociclo e si divertono a fare i giocolieri con gli oggetti da cucina.

Alle ore 17.00 è la volta di un progetto speciale, sostenuto dal Circuito CLAPS e dal MiBAC, il focus sulle coreografe cremasche che lavorano a livello internazionale e che tornano a Crema per realizzare dei progetti speciali negli spazi del Museo e della Sala da Cemmo. Ad aprire le danze sarà la coreografa di danza butoh Maruska Ronchi che, con la musicista Ljuba De Angelis, vivrà per 3 giorni e 3 notti nelle sale del Museo Civico di Crema per creare Merging with space, un evento site specific che si nutre dell’ispirazione generata da questo luogo ricco di storia e di vita. A seguire sarà la volta di Monica Gentile che presenta al festival una riscrittura ad hoc del suo solo Minimal Dance, una partitura raffinata di gesti ossessivi che racconta gli impulsi ritmici del corpo in uno stato quasi ipnotico grazie al contributo musicale live di Michael Mc Dermott. Nella splendida cornice della Sala da Cemmo il focus prosegue con Cantiere Aperto di Sparsi, gruppo di cui fa parte la coreografa cremasca Clelia Moretti. In campo un corpo vivente, quello generato dall’interazione live di danzatori e musicisti che seguono le indicazioni di un curioso “direttore d’orchestra”, il soundpainter Giancarlo Locatelli che, attraverso un linguaggio codificato, genera in contemporanea input sull'esecuzione di suoni e movimenti generando un processo che si modula in diretta sotto gli occhi degli spettatori che a fine performance possono fermarsi a dialogare con la compagnia.

La sezione video di CloseUP presenta, in prima nazionale, domenica 22 settembre dalle ore 21 due percorsi di alto livello, il dance film Coup de grâce, di Clara van Gool, ispirato allo splendido spettacolo Ölelés danzato da Jordi Cortés Molina e Damian Muñoz, e la prima tetralogia di video dedicati alle discipline del circo realizzata dalla regista scandinava Sanna Silvennoinen che per la prima volta ha realizzato 4 cortometraggi con storie legate al mondo del circo contemporaneo, tra Helsinki e Torino.

CloseUP è anche incontro con il pubblico e con gli artisti. Prosegue, infatti, la sezione degli aperitivi: venerdì 20 settembre alle ore 18.00 Eric Lecomte, direttore della compagnia francese 9.81 è protagonista dell’appuntamento al Bar Marini di Piazza Duomo per raccontare che cosa è la danza verticale e come si crea una coreografia in relazione con le architetture di un palazzo, sabato 21 settembre, sempre alle ore 18.00 ai Chiostri del Sant’Agostino aperitivo con le tre coreografe cremasche protagoniste del focus di danza nel Museo Civico: Maruska Ronchi, Monica Gentile e Clelia Moretti raccontano il proprio percorso artistico e i progetti speciali realizzati per CloseUP. In entrambi gli aperitivi è prevista la partecipazione performativa degli studenti della Scuola di Acrobatica Circense dell’US Acli di Crema, insegnante Anke Hein.

Tutti gli eventi sono ad ingresso libero e in caso di pioggia gli spettacoli programmati all’aperto avranno luogo nella Sala Pietro da Cemmo mentre lo spettacolo Azimut avrà luogo anche in caso di lieve pioggia e il pubblico potrà vederlo al riparo dei portici della piazza.

 

Per info si può consultare il sito:  www.closeupfestival.it (GG)

 

COMMENTI

Per commentare devi essere registrato. Clicca qui per registrarti.

Non ci sono commenti per questo articolo.