CREMONA - Dopo le sperimentazioni avviate lo scorso inverno a Milano, Roma e Catania, è attiva da martedì 15 maggio in tutta Italia e anche a Cremona la app per Android e iOS ‘YouPOl’, attraverso cui è possibile inviare alla Polizia segnalazioni di episodi di bullismo o di spaccio e consumo di droga.

Per gli agenti si tratta di un nuovo modo di essere più vicini ai cittadini, illustrato in Questura dal commissario capo Pietro Nen, comandante della squadra volante. La app consente di inviare segnalazioni, anche anonime, di bullismo e spaccio ed è rivolto soprattutto ai più giovani, ma ovviamente a chiunque abbia a disposizione smartphone o tablet: consente di interagire con la polizia inviando immagini, foto o video e segnalazioni scritte direttamente alle sale operative delle questure, anche se il segnalante si trova in una provincia diversa. Un modo per rendere i cittadini maggiormente partecipi delle attività delle forze dell’ordine, aiutandole ad intervenire rapidamente.

Quando l’operatore riceve il messaggio, grazie alla geo referenziazione, invia immediatamente una volante sul posto. Se chi chiama ha registrato i propri dati, potrebbe essere richiamato telefonicamente, ma non è necessario. Per evitare abusi o utilizzi impropri della app, la polizia ricorda che si può essere bannati o in caso di reiterazione di segnalazioni errate, denunciati per procurato allarme.

COMMENTI

Per commentare devi essere registrato. Clicca qui per registrarti.

Non ci sono commenti per questo articolo.