MILANO - Il Consiglio regionale ha approvato martedì all’unanimità una mozione presentata dal capogruppo di “Noi con l’Italia” Luca Del Gobbo, modificata con emendamenti presentati dall’Assessore Stefano Bruno Galli e dalla consigliera  Elisabetta Strada dei “Civici Lombardi”, con la quale si  impegnano il Presidente e l’Assessore  a “proseguire l’opera negoziale” avviata per l’Autonomia per siglare  nei “tempi condivisi col Governo” l’attribuzione “di ulteriori competenze e relative risorse a Regione Lombardia”. Il documento chiede anche che si tenga costantemente informato il Consiglio regionale sull’esito della trattativa e sulle iniziative intraprese anche attraverso le Commissioni consiliari.  L’Assessore Galli nel suo intervento in Aula ha smentito che vi siano situazioni di stallo nella trattativa. “Abbiamo incontrato i ministri Di Maio, Costa e Toninelli – ha detto in Aula – Il Negoziato da quando si è insediato il Governo Conte sta andando avanti, tanto è vero che luglio il Presidente Fontana ha consegnato il dossier al Ministro Stefani con la bozza d’intesa contenenti le richieste della Lombardia.  Si va avanti. Come sottolineato dal Presidente Conte, a gennaio si completerà  l’istruttoria, per il 15 febbraio è previsto l’incontro con i Presidenti delle Regioni che hanno avviato il percorso autonomista”.  Da tutti i gruppi è arrivato il sostegno all’azione della Giunta. Interventi in tal senso sono arrivati anche dai Presidenti della Commissione Autonomia Mauro Piazza (Forza Italia) e dalla Presidente della Commissione Affari Istituzionali Antonella Cappelllari (Lega), i quali hanno sottolineato che concedere autonomia “non vuol dire mettere a repentaglio l’unità nazionale”. Via libera al documento è arrivato anche dal PD che attraverso il Capogruppo Fabio Pizzul ha sottolineto l’importanza di votare un documento di unità istituzionale , “una  presa di posizione del Consiglio regionale che dica la sua sul livello istituzionale della trattativa, depurato da ogni tornaconto politico per un percorso faticoso costruito in tutti questi anni che finalmente si è iniziato a fare”.  Il Consigliere Segretario Dario Violi del Movimento 5 Stella ha smentito “freddezze” del suo Movimento sulla trattativa. “L’autonomia – ha detto Violi -  l’ha voluta il M5S che ha sostenuto a differenza di altri il referendum, noi non abbiamo un’idea centralista, lezioni non ne prendiamo. Finiamola con l’ipocrisia, lavoriamo sodo per portare a casa un risultato rivoluzionario per questo Paese”.

“Con questa votazione – ha commentato il Presidente della Regione Attilio Fontana - il Consiglio regionale ha dimostrato di saper fare buona politica. Ha lanciato un messaggio che credo non potra' restare inascoltato da chi dovra' prendere le prossime decisioni. Ringrazio tutto il consiglio per aver dato una parola di definitivita' sulla volonta' del popolo lombardo di chiedere l'Autonomia. Un'Autonomia - ha concluso Fontana - che sara' una modifica epocale nella storia del nostro Paese e che lo fara' diventare moderno e gli fara' riacquistare quella dignita' e forza che negli ultimi anni si e' un po' offuscata".

COMMENTI

Per commentare devi essere registrato. Clicca qui per registrarti.

Non ci sono commenti per questo articolo.