CREMONA - Blitz antidroga della questura di Cremona. Personale della squadra mobile, sezione antidroga e contrasto al crimine diffuso, diretta dal commissario capo Mattia Falso, nella giornata di lunedì 3 dicembre, ha proceduto all’arresto in flagranza di un cittadino italiano, 59enne, pregiudicato per reati in materia di sostanze stupefacenti, per detenzione illegale di sostanze stupefacenti (articolo73 del DPR 309/90).

L’arresto, spiega la polizia, ha origine da un’importante attività svolta dagli investigatori della squadra mobile con l'obiettivo di prevenire e reprimere lo spaccio di stupefacenti. Gli agenti, si sono posizionati in una zona di Sospiro e, dopo aver osservato movimenti sospetti da parte di una donna, hanno decisi di fermarla per effettuare accertamenti. La donna, è apparsa immediatamente nervosa alla vista dei poliziotti, ed è stata trovata in possesso di sostanza stupefacente di tipo Hashish per un peso complessivo di 3 grammi. La donna veniva dunque segnalata alla prefettura ai sensi dell’articolo 75 del dpr 309 /90 in quanto detentrice di sostanza stupefacente per uso personale.

Successivamente, dopo aver effettuato alcuni accertamenti, gli uomini della squadra mobile hanno individuato lo spacciatore. A seguito di riscontri investigativi hanno infatti deciso di effettuare una perquisizione personale e domiciliare a carico di un uomo (ai sensi dell’articolo 103 del d.p.r 309 /90), che ha dato esito positivo: sono stati infatti trovati all’interno di una scaffalatura di un mobile posto nella cucina dell’appartamento un quantitativo di 74 grammi di Hashish. Successivamente sono state rinvenute su una mensola: 20 euro in quattro banconote da 5 euro che secondo la polizia sarebbero provento dell’attività di cessione a terzi di sostanze stupefacenti, un pezzo di sostanza vegetale solida di colore marrone, asseritamente del tipo hashish, del peso di 8,6 grammi, e un altro un pezzo simile del peso di 8,7 grammi.

La sostanza stupefacente, oltre 96 grammi di hashish e il denaro sono stati successivamente sequestrati. Dopo gli atti di rito l’arrestato è stato trattenuto presso le camere di sicurezza della questura, a disposizione dell’autorità giudiziaria, in attesa dell’udienza di convalida dell’arresto.

COMMENTI

Per commentare devi essere registrato. Clicca qui per registrarti.

Non ci sono commenti per questo articolo.