PANDINO - Due arresti per spaccio di sostanze stupefacenti. Da qualche giorno i carabinieri della dipendente stazione di Pandino avevano avuto sentore da alcuni residenti di una via periferica di Spino d’Adda che in un appartamento di un condominio c’era un frequente via vai di persone. Probabilmente, dicevano le testimonianze, si rifornivano di droga. I servizi di osservazione del primo pomeriggio di mercoledì permettevano di bloccare una ragazza che usciva dopo poco dalla casa con fare furtivo tant’è che veniva trovata in possesso di una dose di stupefacente del tipo cocaina.

La ragazza è stata segnalata alla Prefettura quale assuntrice di stupefacenti a scopo non terapeutico. Avuta quindi la certezza dello spaccio, i carabinieri di Pandino e gli investigatori hanno fatto irruzione dell’appartamento trovando al suo interno una donna 40 enne, assieme ad un marocchino 20 enne.

I due conviventi, essendo entrambi disoccupati, avevano pensato bene di trarre dallo spaccio di stupefacenti il modo per vivere. Nella stanza del marocchino si rinveniva una bilancina di precisione, la somma di 815 euro nonché un involucro contenente 9 grammi di cocaina ed un foglio sul quale la donna aveva scritto gli importi e le quantità di droga che aveva fornito ad alcuni clienti, una sorta di contabilità dell’attività illecita.

I due sono stati arrestati per detenzione  spaccio di stupefacenti. Dopo una notte passata in camera di sicurezza, nella mattinata di giovedì sono stati portati in Tribunale a Cremona e condannati, la donna a 10 mesi per lo spaccio, mentre il giovane marocchino ad 8 mesi per la detenzione dello stupefacente.

COMMENTI

Per commentare devi essere registrato. Clicca qui per registrarti.

Non ci sono commenti per questo articolo.