CREMA - Un’intera giornata dedicata all’Ac Crema non vedenti, reduce dalla straordinaria vittoria del campionato italiano di Calcio a 5 non vedenti ad Atri, in provincia di Teramo. Sabato 16 giugno sono previsti diversi appuntamenti incentrati interamente sulla squadra nerobianca campione d’Italia: si parte al mattino, dalle 10 alle 12 al Centro San Luigi, con la dimostrazione di calcio non vedenti per i bambini; si prosegue nel pomeriggio, a partire dalle ore 14.30, con il triangolare di calcio che coinvolgerà l’Ac Crema non vedenti, la squadra della Consulta dei giovani e la squadra del Comune di Crema; si proseguirà poi alle 17 a CremArena con una dimostrazione dell’attività dell’Ac Crema non vedenti; e infine, a partire dalle 19 sempre a CremArena, il grande concerto con la sesta edizione del “Beatles Day”, il cui ricavato andrà appunto a sostegno della squadra dell’Ac Crema non vedenti.

 

La giornata, così intensa e piena di appuntamenti, è stata presentata in conferenza stampa da Paolo Cella, musicista e organizzatore del “Beatles Day”, Davide Cantoni, giocatore dell’Ac Crema non vedenti, Stefano Sesini, dirigente accompagnatore dell’Ac Crema non vedenti, e dal vicesindaco di Crema, Michele Gennuso. «Quella di quest’anno è un’edizione speciale del Beatles Day», ha spiegato Paolo Cella, «proprio per la decisione di sostenere una realtà come l’Ac Crema non vedenti, appena laureatasi campione d’Italia. Un esempio grande di connubio tra lo sport e i valori dell’inclusione sociale, che ci sembrava giusto sostenere». Il concerto, ha spiegato Cella, vedrà coinvolti circa 60 musicisti, con tanti ragazzi giovani, che eseguiranno 50 brani dei Beatles. Diverse le formazione presenti sul palco, e significativa la partecipazione di due scuole di musica (Consorzio Concorde e Folcioni). Sul palco anche il maestro Marco Ravasio, e il presentatore, esperto di Beatles, Diego Cappelli, entrambi presenti alla conferenza stampa.

 

Per quanto riguarda le iniziative della giornata al San Luigi, Davide Cantoni ha sottolineato l’importanza dell’attività del mattino dedicata ai bambini: «Avvicinare i più piccoli al calcio non vedenti serve a educarli al superamento delle barriere, a partire soprattutto da quella mentali». Alle 14.30 poi, come detto, il Triangolare: ci saranno tre partite, da 20 minuti ciascuna, in cui gli avversari dell’Ac Crema non vedenti, cioè le rappresentative della Consulta dei giovani e del Consiglio Comunale di Crema, giocheranno per metà bendati, e per metà non bendati, ma con altri accorgimenti che renderanno particolarmente avvincente il gioco. «È importante che la città risponda così bene di fronte all’esperienza significativa dell’Ac Crema non vedenti», ha commentato Sesini, «e ringraziamo il Comune per il coinvolgimento e l’attenzione».

 

Il vicesindaco Michele Gennuso ha commentato con grande entusiasmo l’iniziativa: «Sono veramente contento di essere qui con voi, per l’importanza sociale di quello che fate, e anche per il grande lustro che avete dato alla città con la recente vittoria. Tanti complimenti a tutta la società dell’Ac Crema, che ha creduto fino in fondo a questo progetto e ha ottenuto questi risultati. Il tema del superamento delle barriere, tra l’altro, mi tocca molto: io sono solito dire che i limiti sono solo quelli che uno si pone, e voi mi pare che lo abbiate dimostrato ampiamente. Molto importante, infine, il fatto che questa giornata dedicata all’Ac Crema non vedenti si concluda con un bellissimo momento musicale, che coinvolge tanti giovani e che serve a raccogliere fondi destinati a questa straordinaria realtà. Quindi ancora tanti complimenti, e andata avanti così».

 

COMMENTI

Per commentare devi essere registrato. Clicca qui per registrarti.

Non ci sono commenti per questo articolo.