SORESINA - Fingevano di avere in auto del cibo da asporto. Invece trasportavano la droga. Ennesimo blitz contro lo spaccio di stupefacenti nel territorio della provincia. Al termine di un servizio di osservazione, i carabinieri della compagnia di Cremona comandata dal maggiore Rocco Papaleo hanno tratto in arresto in flagranza per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti in concorso, due egiziani, M.A.Z.A.B.M., 29 anni, e G.A., 29 anni, entrambi residenti a Soresina, regolari sul territorio nazionale. 

I militari li hanno fermati sull’auto di M.A.Z.A.B.M. A seguito di perquisizione personale, sono stati trovati in possesso di un contenitore per cibo d’asporto, contenente 30 grammi lordi di sostanza stupefacente, del tipo eroina. In particolare, al momento del controllo, i due si sarebbero giustificati dicendo che all’interno c’erano pollo e patatine. I militari li stavano però tenendo d’occhio già da alcuni giorni, dopo averli notati per le vie del centro di Soresina mentre procedevano lentamente a bordo della stessa auto e avvicinavano noti assuntori del posto. Gli uomini in divisa hanno quindi deciso di approfondire il controllo, trovando appunto il quantitativo di eroina sequestrato. 

La successiva perquisizione domiciliare ha consentito di rinvenire nell’abitazione di G.A. altri cinque grammi lordi di sostanza stupefacente, del tipo cocaina, suddivisi in due involucri e nascosti all’interno di un peluche. I due sono stati quindi dichiarati in arresto e condotti nella caserma Santa Lucia di Cremona in attesa del rito direttissimo fissato presso il tribunale cittadino. 

Continuano gli accertamenti sull’identità dei clienti dei due soggetti, in particolare su coloro che nel corso dei giorni precedenti erano stati notati dai militari avvicinare l’auto nelle disponibilità degli arrestati nelle ore serali e nel centro di Soresina. Sono oltre venti gli arresti per droga effettuati dall’inizio dell’anno dai carabinieri della Compagnia di Cremona (diversi i chili di stupefacente sequestrato). Nell’ultima settimana, in particolare, sono tre i pusher tratti in arresto per spaccio di eroina, una sostanza che purtroppo, alla luce dei numerosi sequestri operati negli ultimi tempi, sembra non solo tornata in voga tra giovani e non, ma addirittura pare aver conquistato le fette maggiori del ‘mercato’. Sarebbe cambiato solo il metodo di consumo, in quanto attualmente l’eroina nella maggior parte dei casi viene fumata e non più iniettata come avveniva in passato. 

COMMENTI

Per commentare devi essere registrato. Clicca qui per registrarti.

Non ci sono commenti per questo articolo.