CREMONA - Il 21 agosto scorso la polizia di stato di Cremona ha eseguito un’ordinanza di applicazione della misura cautelare del collocamento in comunità a carico di tre minorenni di origine magrebina, facenti parte del famigerato gruppo che gestiva la pagina Instagram “Cremona Dissing”, di recente balzata agli onori della cronaca. I componenti di quest’ultimo, dalla fine del 2018 ad oggi, si sono resi responsabili di numerose risse, aggressioni, minacce, rapine ed estorsioni in danno di loro coetanei, il tutto alimentato dall’autocelebrazione delle proprie gesta grazie ad un uso distorto dei social.

Secondo quanto comunicato dalla questura, condotte nell’ambito di un più ampio monitoraggio dei fenomeni di devianza giovanile, le indagini dei poliziotti della squadra mobile diretta dal commissario capo Mattia Falso hanno avuto origine da alcune aggressioni avvenute a Cremona il 12 giugno, nel corso ed al termine di una festa aperta al pubblico tenutasi presso la società canottieri Bissolati. In quell’occasione, un gruppo di sette ragazzi commisero una rapina, ne tentarono un’altra e, non paghi di ciò, aggredirono per futili motivi alcuni partecipanti alla serata, tutti minorenni.

L’attività investigativa ha consentito di circostanziare compiutamente i fatti accaduti e di identificare i tre minorenni come gli autori di una rapina di 20 euro in contanti e di una tentata rapina di un portafogli, attuate sempre con il medesimo schema: individuata la vittima, alcuni componenti del gruppo le si avvicinavano e, dopo averla colpita con calci e pugni o averla minacciata, tentavano di sottrargli il denaro o il cellulare. 

Inoltre, vi sono state quattro aggressioni con percosse o lesioni scatenate per futili motivi, come uno sguardo alla persona sbagliata o per il semplice gusto di affermare il proprio predominio, in relazione alle quali sono stati individuati altri quattro componenti del gruppo (due maggiorenni e due minorenni).

I particolari dell’operazione nella conferenza stampa in Questura.

COMMENTI

Per commentare devi essere registrato. Clicca qui per registrarti.

Non ci sono commenti per questo articolo.