CREMA - Un’altra frontiera dell’inclusione, un ulteriore tassello nel grande progetto sociale dell’Ac Crema 1908. Il presidente Enrico Zucchi ha presentato sabato 1 giugno la decisione dell’Ac Crema di fare l’ingresso nel mondo degli e-sport, con l’adesione a Progetto Gaming di Alessandro Pironti, e l’iscrizione al campionato di serie C del “calcio virtuale”.

 

«Si tratta di un salto nel futuro», ha commentato il presidente Zucchi. «Al tempo stesso, però, è una decisione pienamente coerente con il progetto sociale che è alla base della vita dell’Ac Crema. Gli e-sport sono sport alla portata di tutti, in cui chiunque può ottenere grandi risultati all’interno di un mondo che coinvolge sempre più appassionati in tutto il mondo. L’Ac Crema è Sportabilità, è calcio non vedenti, è calcio amatori, e molto altro ancora. Da oggi, è anche e-sport».

 

Alessandro Pironti ha spiegato che il calcio “virtuale” «simula tutte le dinamiche del calcio, con una società vera e propria, un allenatore e giocatori con determinate caratteristiche: permette a qualsiasi persona di cimentarsi nel mondo del calcio come giocatore, allenatore, giornalista ed altre figure. Il tutto in un contesto protetto e al riparo da qualsiasi attacco personale».

 

Al giorno d’oggi, è stato spiegato nella conferenza stampa in cui erano presenti anche il direttore generale dell’Ac Crema Giulio Rossi e il membro del Cda Umberto Pirelli, il giro d’affari degli e-sport sta per raggiungere 1 miliardo di euro nel mondo, e ci sono ben 5 stadi dedicati. Il Comitato Olimpico Internazionale ha aperto all’ipotesi dell’ingresso dei “gamers” alle Olimpiadi.

 

L’Ac Crema entrerà dunque in questo mondo, in cui Enrico Zucchi ricoprirà anche “virtualmente” la carica di presidente della società, mentre allenatore sarà Alessandro Pironti e direttore sportivo Alberto De Donatis.

 

COMMENTI

Per commentare devi essere registrato. Clicca qui per registrarti.

Non ci sono commenti per questo articolo.