CREMONA - È giunto alla quinta edizione il convegno provinciale WHP Cremona – “Luoghi di lavoro che promuovono salute”, che si è tenuto presso la sede territoriale di Cremona dell’ATS della Val Padana, lo scorso 12 giugno, alla presenza del Direttore del Dipartimento di Igiene e Prevenzione Sanitaria Anna Marinella Firmi, della Dirigente UOSD Promozione della Salute e Sviluppo delle Reti Laura Rubagotti, e degli operatori dell’ATS che hanno supportato nei rispettivi percorsi le aziende che hanno scelto di aderire alla Rete WHP - Workplace Health Promotion, un programma validato a livello internazionale che prevede la promozione di cambiamenti organizzativi dei luoghi di lavoro al fine di renderli ambienti favorevoli all’adozione consapevole ed alla diffusione di stili di vita salutari, concorrendo alla prevenzione delle malattie croniche.

Dopo i saluti istituzionali dell'ATS della Val Padana, i rappresentanti delle aziende si sono alternati nell’illustrazione delle iniziative realizzate nell'anno 2018, - in coerenza con le “pratiche raccomandate” dal programma  - finalizzate ad  offrire ai dipendenti opportunità per migliorare il proprio stato di salute, attraverso la promozione di stili di vita salutari (tra i quali, la  corretta alimentazione e l’attività motoria) e il contrasto ai fattori di rischio (tabagismo, il consumo di alcool) e alle dipendenze con particolare riferimento al contrasto al Gioco d’Azzardo Patologico (anche in linea con il Piano Locale GAP). Al termine del convegno, tutte le aziende hanno ricevuto un “attestato” a titolo di riconoscimento degli sforzi profusi per migliorare la Salute e il Benessere nel luogo di lavoro.

L’evento, caratterizzato da un clima di condivisione e di generale soddisfazione, ha testimoniato l’importanza del lavoro di rete tra l’ATS della Val Padana e il tessuto imprenditoriale del territorio, facendo registrare quali fattori positivi la determinazione delle aziende  a proseguire, anno dopo anno, nella realizzazione di nuove progettualità e “prassi raccomandate”, come pure l’ingresso nel programma ogni anno di nuove realtà imprenditoriali che scelgono di avviarlo attraverso un processo partecipativo e in un' ottica di responsabilità sociale. Ad oggi, la rete WHP cremonese conta infatti 29 aziende e 46 sedi per un impatto di popolazione pari 11.157 lavoratori coinvolti, tracciando un trend in costante aumento. 

Le aziende della rete WHP del territorio cremonese che hanno ottenuto il riconoscimento per l’anno 2018 sono: ASST di Crema, ASST di Cremona, Gruppo SNAM, Azienda Speciale Comunale "Cremona Solidale", Fondazione Preyer Casalmorano, Fondazione Aragona, Questura Cremona, INAIL Cremona, NPI Italia Soncino, Provincia di Cremona, Linea Group Holdin SpA; Consorzio Casalasco del Pomodoro, Padania Acque SpA, Chromavis Fareva, Fondazione Benefattori Cremaschi, Diversey, Istituto Ospedaliero Di Sospiro, Fondazione Istituto C. Vismara - G. De Petri Onlus, Euromisure Sas di Wika Italia Srl, Gayesco Europe, RGM Elettronica Industriale, U.P.M. s.r.l.

COMMENTI

Per commentare devi essere registrato. Clicca qui per registrarti.

Non ci sono commenti per questo articolo.