CREMONA - A Cremona, al termine degli accertamenti, i carabinieri della compagnia cittadina alla guida del maggiore Rocco Papaleo hanno denunciato in stato di libertà per ricettazione C.M., nato in Marocco nel 1994 e residente a Cremona. Il giovane è stato trovato nelle disponibilità della bicicletta sequestrata nel corso del suo arresto in flagranza di reato per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, avvenuto presso la stazione ferroviaria il 19 marzo scorso, episodio salito alle cronache come l’arresto del “Brumotti dello spaccio” per la frase dallo stesso dichiarata al momento del fermo effettuato dai militari.  

La bicicletta, con un costoso telaio di lega di carbonio e del valore di diverse migliaia di euro, è stata riconosciuta grazie alle foto pubblicate sui media locali dal proprietario, un 40enne residente a Gadesco Pieve Delmona, che ne aveva denunciato il furto presso la stazione dei carabinieri di Vescovato il 15 gennaio scorso. Oltre a documentarne la proprietà, con tutti i famigliari, il giovane, al momento della restituzione ha ringraziato i carabinieri in quanto spiegava che la biciletta era un caro ricordo del padre, appassionato di ciclismo e deceduto tragicamente a Cremona nel maggio del 2002, a soli 52 anni a seguito di un incidente stradale.  

COMMENTI

Per commentare devi essere registrato. Clicca qui per registrarti.

Non ci sono commenti per questo articolo.