CREMONA - L’UDC lombarda si rilancia con il congresso. Con la presenza del Segretario nazionale Lorenzo Cesa e del Commissario per la Lombardia Antonio De Poli, sabato 22 luglio alle 10 presso l’hotel Cavalieri di Piazza Missori – Milano, si celebrerà il Congresso regionale dell’UDC Lombardia.

"Sarà l’inizio di un rilancio dell’attività politica in tutto il territorio lombardo dove le idee forza e le linee guida del nostro partito si sono notevolmente appannate o, meglio, esaurite. – dichiara il Segretario provinciale Giuseppe Trespidi – Le delusioni verso una politica sempre più sfilacciata e inconcludente dove a fronte dei bisogni e delle necessità che provengono dalla società civile, dai cittadini e dalle imprese si preferisce disquisire e legiferare su questioni non dirimenti per il futuro dei nostri giovani e del paese. Un dibattito politico dove le questioni centrali legate all’aumento della povertà, alla mancanza di lavoro, alla necessità di sburocratizzare e semplificare la vita di cittadini ed imprese si preferisce non affrontarle oppure diventano oggetto di pseudo provvedimenti farraginosi.

L’alta percentuale di astensionismo, che è in costante aumento fino a diventare il primo schieramento d’Italia, - continua Trespidi – dovrebbe indurre ad una riflessione attenta, rigorosa e oggettiva. Le maggiori forze politiche che oggi interpretano la destra e la sinistra, non riescono a dare sicurezza e prospettive ad un elettorato che silenziosamente lo sta chiedendo. In particolare a quell’elettorato, deluso, ma non estremista, che non riesce ad individuare in queste compagini progetti politici realistici e persone preparate e capaci di dare la garanzia di una vera e sicura svolta al Paese.

C’è un disagio diffuso - conclude Trespidi - causato da una perdita delle certezze di un tempo e della mancata individuazione di nuovi riferimenti. Questo bisogno di novità è una fuga dalle paure; è una corsa, ansiosa verso una uscita di sicurezza, che non si sa dove sia, e questa inquietudine, a seconda delle circostanze, prende la forma dello sconforto, della rabbia o dell’illusione che viene sistematicamente delusa. La certezza di una forza Politica centrista, che persegue obiettivi chiari, equilibrati, che inducono il cittadino a cogliere un immediato riscontro di buon senso e di pragmatismo, è quanto di più ha bisogno la politica. L’UDC si candida a svolgere questo ruolo insieme a tutti coloro che si riconoscono in questo progetto.

COMMENTI

Per commentare devi essere registrato. Clicca qui per registrarti.

Non ci sono commenti per questo articolo.