CREMA - "Incontenibile": questo risulta essere l'unico aggettivo che mancava al sindaco Bonaldi secondo Giovanni De Grazia, coordinatore cittadino Fratelli d'Italia. 

"La nostra prima cittadina sembra ormai colpita dalla sindrome del "Marchese del Grillo" ( chi non ricorda la frase indimenticabile di Alberto Sordi nel celebre film? "Io sono io e voi non contate niente!"). Infatti nell'ultima seduta del consiglio comunale la Bonaldi ha fatto approvare dalla sua maggioranza il nuovo regolamento per l'utilizzo di sale, piazze e spazi pubblici. Fra le cose indicate per accedere all'utilizzo è richiesta la dichiarazione, cito testualmente, che "l'organizzazione richiedente non risulta interessata da provvedimenti o reati riconducibili a qualsiasi forma di criminalità organizzata e che si riconosce nei valori costituzionali della resistenza, ripudia il fascismo e nazismo ed afferma di non aver mai manifestato e di non professare ideologie razziste, xenofobe,antisemite, omofobe e antidemocratiche". Inoltre la domanda deve essere presentata almeno 30 giorni prima dell'utilizzo e richieste pervenute con preavviso inferiore ai 30 giorni non verranno autorizzate, tranne se motivate da comprovate ragioni di imprevedibilità ed urgenza. Chi quindi deciderà quali sono le ''comprovate ragioni di imprevedibilità ed urgenza"? E perché nella dichiarazione richiesta non si richiama il rifiuto ad una ideologia come il comunismo, che anche adesso sta arrecando lutti atroci all'intera umanità? Chiediamo quindi, per rispetto di tutte le sensibilità politiche presenti nella nostra città il richiamo, nella delibera sull'utilizzo degli spazi pubblici, al rifiuto della ideologia comunista. Speriamo che per una volta i consiglieri comunali di maggioranza possano essere liberi di scegliere e non subire sempre i diktat del loro sindaco".

 

 

 

 

COMMENTI

Per commentare devi essere registrato. Clicca qui per registrarti.

Non ci sono commenti per questo articolo.