CREMA - Prendendo spunto dalla convenzione ONU sui diritti delle persone con disabilità, il ciclo di incontri proposti da Anffas a valere sul progetto Sportabilità ha come tema  l’inclusione del disabile attraverso l’attività sportiva. Scopo del ciclo formativo è quello di “incoraggiare e promuovere la partecipazione più estesa possibile delle persone con disabilità alle attività sportive ordinarie a tutti i livelli” come indicato sulla locandina di promozione dell’evento.

 

Sarà Giovanni Merlo, direttore Ledha Fish Lombardia, che sabato 19 maggio tratterà il tema sport e inclusione nella convenzione Onu. Con lui interverrà Fabrizio Carrera, dottore in scienze motorie e referente del progetto Sportabilità per Anffas Onlus Crema che, oltre a raccontare quali sono benefici psicofisici dello sport nel disabile, presenterà due realtà territoriali che lo praticano: Baskin e A.C. Crema 1908 non vedenti.

 

Quale luogo migliore del San Luigi per affrontare questo argomento? Com’è noto, il Centro Giovanile San Luigi grazie al Progetto Sportabilità è diventato il simbolo dell’inclusione sociale, il luogo in cui i ragazzi si ritrovano, richiamati dagli enti partner del progetto, e partecipano ad attività sportive, ricreative e sociali.

 

COMMENTI

Per commentare devi essere registrato. Clicca qui per registrarti.

Non ci sono commenti per questo articolo.