SORESINA – La città di Soresina è stata sconvolta nelle prime ore del mattino di giovedì 8 giugno da una tragica notizia: il maresciallo dei carabinieri Luigi Illustre si è tolto la vita. La chiamata al 118 è arrivata poco prima delle 5 del mattino, ma gli uomini del soccorso non hanno potuto fare altro che constatare il decesso.

 

Ancora ignote le cause del drammatico gesto del maresciallo, forse dovuto a motivi famigliari. Luigi Illustre dovrebbe aver lasciato una lettera. Molto amato in città per i suoi modi sempre affabili e per la sua grande disponibilità, il maresciallo Illustre lascia un grande vuoto.

 

Il sindaco Diego Vairani si dice «scioccato per una notizia così tragica e del tutto inattesa. Ho sempre avuto un ottimo rapporto di collaborazione con il maresciallo, una persone serissima dal punto di vista professionale. Siamo veramente sconvolti e ci stringiamo intorno al dolore della famiglia e dell'Arma dei carabinieri».

 

Anche il consigliere regionale Federico Lena, soresinese, è rimasto fortemente colpito dall'inattesa e tragica notizia: «Una persona di grandi doti umane e professionali, un uomo disponibile e affabile dotato di un forte senso del dovere e di grande sensibilità. Sono costernato. La nostra comunità oggi perde un grande punto di riferimento. Un pensiero e le mie preghiere per Luigi».

 

L'europarlamentare Massimiliano Salini, anch'egli di Soresina, ha così commentato: «Sono senza parole difronte alla notizia del suicidio dell'amico maresciallo Illustre di Soresina. Non voglio conoscere le ragioni di questo gesto comunque inspiegabile. Desidero solo pregare per lui e la sua famiglia, insieme ai tanti che come me ne hanno conosciuto la magnanimità e la professionalità».

 

COMMENTI

Per commentare devi essere registrato. Clicca qui per registrarti.

Non ci sono commenti per questo articolo.