DESENZANO - Amara trasferta per la Juniores AC Crema 1908 che, sabato 12 novembre, va in scena a Desenzano del Garda contro i locali della Pro Desenzano, penultimi in classifica ed in grande crisi di risultati. La formazione presenta qualche variazione rispetto al solito, con Simonelli tra i pali, Sfondrini, Lena, Usberghi e Ragusa a costituire la linea difensiva, Moroni, Capetti e Sanzanni a centrocampo, Roncalli, Zucchi e Magnoni in avanti.

Dopo pochi minuti dal fischio d'inizio, i locali si portano in vantaggio con un preciso diagonale, sul quale Simonelli non può fare nulla. Al 12º è Roncalli ad inventare letteralmente il gol del momentaneo pareggio, raccogliendo un pallone ed incuneandosi tra tre avversari, dribblati e tenuti lontani a spallate, fino ad un comodo piatto a tu per tu con l'estremo avversario. Al 28º Zucchi incorna un pallone ben scodellato dalla destra, ma contrastato da un difensore, non imprime la giusta forza ed il suo tiro è facile preda del portiere benacense.

Sull'immediato ribaltamento la difesa cremina combina un mezzo papocchio, ma l'attacco desenzanese non ne approfitta, spedendo alto un pallone semplice da pochi passi. Al 30º il nuovo vantaggio dei padroni di casa che, su sviluppo di calcio d'angolo, trovano l'incrocio con un bellissimo colpo di testa. E’ 2-1.

Al 40º Magnoni ci prova direttamente da corner, ma la palla, destinata all'incrocio, è deviata sopra la traversa dall'attento portiere di casa. Finisce un primo tempo con pochi spunti ed inizia una ripresa nervosa con Roncalli e Magnoni a cercare inutilmente varchi, ben chiusi dall'attenta difesa desenzanese, come al 48º, quando una combinazione tra i due porta Magnoni, contrastato in corner, vicino al pareggio. Al 56º Sanzanni, smarcato all'interno dell'area da un maldestro tentativo di disimpegno della Pro Desenzano, calcia di sinistro ad incrociare, ma sfiora soltanto il palo opposto, sprecando una ghiotta occasione.

Al 67º fischiata una punizione indiretta in area di casa, sullo sviluppo Magnoni si vede negare il pari da una respinta sulla linea. Al 70º Magnoni, provocato dal pubblico, viene cacciato per qualche parola di troppo e la luce si spegne definitivamente : i locali archiviano subito la pratica, con un tiro di controbalzo da 25 metri al 71º. E’ 3-1.

Al 75º Sanzanni non impatta bene la palla, dopo un bellissimo taglio e la sfera finisce alta. È ormai il termine, quando la friabile linea dei cremaschi tiene in gioco la punta bresciana che si inserisce e decreta la definitiva debacle : è il 4-1 e di qui a poco si sentirà il triplice fischio che chiude una giornata da dimenticare.

La classifica vede il Crema sempre terzo, ma staccato di 7 punti dalla capolista Sarnico a quota 27 ed a -4 dalla Stezzanese.

 

COMMENTI

Per commentare devi essere registrato. Clicca qui per registrarti.

Non ci sono commenti per questo articolo.