CREMA - È ormai tutto pronto per l’attesissima settima edizione del Concorso internazionale intitolato all’illustre contrabbassista cremasco Giovanni Bottesini. Come annunciato in conferenza stampa dal presidente dell’Associazione Bottesini Francesco Donati, è da oggi on line il bando ufficiale del Concorso, che si svolgerà a Crema dal 23 al 29 settembre 2019. «Abbiamo mantenuto fede agli impresi», ha dichiarato Donati, «e siamo orgogliosi di annunciare l’apertura ufficiale del bando. Un grazie ai partner senza dei quali tutto questo non sarebbe stato possibile, vale a dire il Comune di Crema e la Fondazione San Domenico».

 

L’obiettivo è quello di replicare il grande successo dell’edizione 2017, che aveva visto una grandissima partecipazione di concorrenti da tutto il mondo. «Vogliamo proseguire con questo spirito», ha detto ancora Donati. «Il nostro intento è quello di valorizzare al massimo una figura straordinaria come quella di Bottesini, che per tutti i contrabbassisti d’Italia e del mondo è un punto di riferimento unico, una vera e propria leggenda. Forse è meno conosciuto proprio nella sua città, e per questo vogliamo che tutta Crema si senta coinvolta in questo che non deve essere solo un evento di nicchia ma un evento di tutta la comunità cittadina».

 

Il concorso viene organizzato sotto la direzione generale di Francesco Donati e la direzione artistica del Maestro Enrico Fagone. Presidente onorario sarà come sempre il fondatore del Concorso, il Maestro Franco Petracchi. Per quanto riguarda la giuria, la novità di quest’anno sarà la presenza dei vincitori delle passate edizioni del Concorso: oltre al celebre violista e docente della Fondazione Stauffer Bruno Giuranna (Presidente di Giuria), ci saranno infatti i contrabbassisti Wies de Boevé (vincitore della VI° edizione del Concorso Bottesini e Primo Contrabbasso presso la Symphonieorchester des Bayerischen Rundfunks Munich), Maria Chirokoliyska (vincitrice della V° edizione del Concorso Bottesini e Primo Contrabbasso della Orchestre National de France), Enrico Fagone (Primo Contrabbasso dell’Orchestra della Svizzera Italiana e direttore d’orchestra), Christine Hoock (docente di contrabbasso al Mozarteum di Salisburgo), Franco Petracchi (docente di contrabbasso presso la Fondazione Stauffer) e Francesco Siragusa (Vincitore della IV° edizione del Concorso Bottesini e Primo Contrabbasso dell’Orchestra del Teatro alla Scala). Una giuria di altissimo profilo che vanta appunto la partecipazione di ben tre ex vincitori del Concorso Bottesini che ricoprono i ruoli principali nelle maggiori orchestre europee.

 

Grande soddisfazione hanno espresso anche il sindaco Stefani Bonaldi, l’assessore alla Cultura Emanuela Nichetti e il presidente della Fondazione San Domenico Giuseppe Strada. «Lo spirito con cui affrontiamo questo appuntamento», ha dichiarato il sindaco Bonaldi, «è quello di rendere Crema “città di Bottesini”. E il concorso di quest’anno sarà in un certo senso la prova generale del grande appuntamento del bicentenario nel 2021. Faremo in modo che veramente, come sottolineato dal presidente Donati, tutta la città si senta coinvolta in queste celebrazioni».

 

Per quanto riguarda la struttura del concorso, la settimana si articolerà in diverse fasi iniziali suddivise in un Primo Turno, nel quale l’identità dei candidati verrà celata da un telo oscurante, e successivamente nel Secondo e nel Terzo Turno. Il Concorso si concluderà con l’ultima prova, la Finale con Orchestra, presso il Teatro San Domenico, che vedrà come protagonisti i finalisti. In palio significativi premi in denaro: il primo premio “Walter Stauffer” di  € 10.000, il secondo premio “Camera di Commercio di Cremona” di € 5.000 ed il terzo premio “LGH Linea Group Holding”di € 3.000. Tra i premi speciali verranno assegnati un arco Emilio e Luca Slaviero del valore di  € 3.660 un arco Marco Pasquino del valore di € 2000, offerti dagli stessi archettai. Sono previste anche diverse borse di studio di € 400 che verranno assegnate a tutti i concorrenti che supereranno il primo turno. Il montepremi complessivo del Concorso supera i 28.000 euro.

 

Tra le novità si sottolinea la presenza nel programma musicale di un brano inedito commissionato appositamente dal Concorso al Maestro Fabio Vacchi, tra i massimi compositori viventi di opere liriche e di musica classica. L’obiettivo è che il Concorso Bottesini non sia solo un trampolino di lancio per giovani contrabbassisti ma anche un luogo di produzione di brani che possano entrare in repertorio, continuando così la grande opera iniziata proprio da Giovanni Bottesini. Un’altra novità consiste nell’età ammissibile per i concorrenti, verranno infatti ammessi al Concorso giovani a partire da 16 anni e non più dai 18 anni, come avveniva per la passata edizione.

 

COMMENTI

Per commentare devi essere registrato. Clicca qui per registrarti.

Non ci sono commenti per questo articolo.