Lemen Volley-Enercom 2-3

(26-24, 24-26, 25-22, 18-25, 10-15)

Lemen Volley: E. Malinov 4, S. Felappi 16, Arsenov 10, G. Felappi 13, Severgnini 2, M. Malinov 7, Coita, Rota, Capelli 2, Noris, Banfi 4, Perico (L), Caslini (L). All. A. Malinov.

Enercom Volley 2.0 Crema: Inataj, Nicoli 4, Venturelli (L), Cattaneo 14, Fioretti 17, Fugazza 3, Pinetti 35, Cazzamali, Diagne 10, Ginelli 11, Mosca (L), Giroletti, Frassi. All. Moschetti.

 

Vittoria amara per l’Enercom che chiude il campionato con 60 punti come il Brembate ma è seconda in classifica per il peggior quoziente set. Quindi le cremasche saranno impegnate nei playoff. Contro il Lemen la gara è stata caratterizzata da forte nervosismo che ha impedito alle giocatrici di esprimersi al meglio e con continuità per chiudere davanti l’infinito duello contro Brembate. Alle biancorosse non è bastato il supporto dei tifosi cremaschi arrivati numerosi, almeno un’ottantina, per dare il sostegno alla squadra.

Il Lemen punta al terzo posto e, nella piccola palestra di Almenno San Salvatore, non vuole regalare nulla alle ospiti che all’andata si sono imposte 3-0. La tensione è evidente nel campo biancorosso e l’avvio è di 6-2 per le bergamasche. L’ace di Pinetti riporta sotto l’Enercom (6-5) e a quota 10 c’è l’aggancio. Ma le padrone di casa tornano in fuga fino al 22-16. L’ottima reazione cremasca con Pinetti e il muro di Fioretti vale il 22-21 e il muro della schiacciatrice porta sul 24-24 ma un altro errore (il 13° del set) consegna il parziale al Lemen.

Secondo set in equilibrio fino all’8-7 Lemen poi Cattaneo e compagne firmano un parziale di 7-0 con l’ace di Ginelli. Malinov e compagne ribattono subito e vanno sul 19-18. Si lotta punto a punto ma dal 24-23 Fioretti stampa un muro e trova l’ace per il 24-25 e l’errore di Felappi consegna il set alle cremasche sul 24-26.

Nel terzo set parte meglio l’Enercom con due ace di Cattaneo e una serie di muri che portano sul 6-12. Vista la superiorità tecnica delle avversarie la squadra di casa alza il livello di tensione grazie all’esperienza della cinquantenne Arsenov (mamma delle gemelle Malinov) e la tensione tradisce le ospiti che subiscono un parziale di 9-2 e vengono superate sul 17-16 senza riuscire a ritrovare il gioco dei primi scambi. Il Lemen vola via fino al 23-20 e chiude sul 25-22 cancellando il sogno della vittoria del campionato per il Volley 2.0 visto che sull’altro campo Brembate ha già liquidato la pratica con Rivalta con un netto 3-0.

La squadra, torna però in campo con minore tensione e le riesce quello che in precedenza non andava, il muro si conferma di ottimo livello e dopo l’equilibrio iniziale il quarto set viene indirizzato al meglio col muro di Fioretti che porta sul 6-12. Il divario si allarga e con l’ace di Cattaneo si va sul 14-21 poi Pinetti chiude il set sul 18-25.

La squadra vuole fortemente la vittoria e concede poco alle avversarie anche nel tie break: si arriva al 3-9 per le biancorosse il Lemen si riavvicina ma il gioco resta in mano dell’Enercom che va a chiudere sul 10-15. Solo pochi minuti per riprendersi dalla fatica e dalla delusione e poi la squadra ha cominciato a pensare ai playoff. Per coach Moschetti: “Abbiamo pagato la tensione iniziale che ci è costata tanti errori. Ma ai playoff dobbiamo arrivare con la coscienza dei nostri mezzi e la voglia di essere protagonisti. Intanto complimenti al Brembate che è stato più continuo di noi nel corso della stagione”.

 

BANCA CREMASCA SERIE D

Banca Cremasca Pg-Mg.kvis Piadena 0-3

(18-25, 15-25, 11-25)

Banca Cremasca pg Volley 2.0: Dolera, Edallo, Peroni, Abati, Vairani, Centenaro, Acciarito, Pasian, Boffelli, Provana, Labadini (L), Guercilena (L). All. Moretti-Bonizzoni.

 

Contro la capolista Piadena la Banca Cremasca subisce una sconfitta in tre set. La Mg.kvis arriva a Crema determinata a proseguire la corsa in vetta alla classifica e lo fa senza troppi problemi anche perché dall’altra parte della rete trova una formazione cremasca con qualche defezione e con l’attenzione già allo scontro di martedì che potrebbe portare l’Under 18 al passaggio del primo turno regionale. Differenza di motivazioni e di tecnica rendono il match scontato con le sopiti che allargano progressivamente il divario. Una sconfitta comunque indolore per la Banca Cremasca che ha già raggiunto la salvezza nel torneo di serie D. 

AUTOROTOR UNDER 16

Girone I

Autorotor-Palazzolo 3-1

(30-28, 17-25, 25-12, 25-14)

Volley Segrate-Palazzolo 3-0

(25-21, 25-19, 25-11)

Autorotor-Volley Segrate 3-0

(25-17, 25-21, 25-23)

Classifica: Autorotor 6, Segrate 3, Palazzolo 0.

Autorotor Volley 2.0 Crema: Dolera, Peroni, Pagliari, Frassi, Centenaro, Acciarito, Pasian, Coba, Boffelli, Provana, Ingiardi, Labadini (L), Vailati (L). All. Cinquanta.

 

L’Autorotor è tra le migliori 12 Under 16 della Lombardia. Le biancorosse hanno chiuso al primo posto il concentramento a tre squadre ospitato al Palabertoni. Un’intensa giornata di gare in cui per conquistare il successo oltre alla tecnica e al gioco di squadra erano necessarie resistenza fisica e motivazione. Coba e compagne hanno chiuso avanti a tutti con un doppio successo liquidando al mattino il Palazzolo dopo un avvio difficile, e nel pomeriggio il Segrate al termine di una gara a tratti nervosa per l’importanza della posta in palio.

La prima fase del campionato regionale Under 16 prevede 12 concentramenti da 3 squadre che si sfidano in giornata con la vincente ammessa al secondo turno. Il gruppo I viene ospitato dal Volley 2.0 vincitore del campionato provinciale Cremona-Lodi.

Nella prima gara, in mattinata, scendono in campo le padrone di casa contro il Palazzolo (quinta nel torneo bresciano). Le due squadre si presentano appaiate nel finale, l’Autorotor ha il primo set ball sul 24-23, il Palazzolo ribalta la situazione ma non sfrutta due opportunità. Le biancorosse tornano avanti sul 27-26 poi vengono risorpassate ma pareggiano grazie a due grandi difese e vanno poi a chiudere con l’ace di Pasian per il 30-28. Palazzolo reagisce bene e guida dall’inizio il secondo set andando a chiudere senza problemi. L’Autorotor ribalta la gara e domina terzo e quarto set.

Nel pomeriggio il Segrate (7° nel torneo di Milano-Monza-Lecco) batte in tre set il Palazzolo e diventa quindi decisivo lo scontro tra milanesi e cremasche.

L’Autotoror parte bene e controlla il primo parziale chiuso 25-17. Il secondo set inizia all’insegna del nervosismo con un cartellino rosso mostrato alla panchina del Segrate e un giallo per il Volley 2.0. Le biancorosse partono avanti, arrivano al 18-12 ma si fanno riprendere sul 20-20 prima di ricattare con quattro punti consecutivi e chiudere sul 25-21. Anche nel terzo set è l’Autorotor a guidare, ma il margine è minimo, dal 17-13 si arriva al 19-18 poi la parità a quota 22. Dal 23 pari Coba e compagne hanno la forza per piazzare i due punti decisivi che chiudono il match e consentono il passaggio del torneo alla squadra cremasca.

Ora l’Autorotor tornerà in campo mercoledì primo maggio ancora in un concentramento a tre. Sede e avversarie verranno sorteggiate nei prossimi giorni.

 

 

COMMENTI

Per commentare devi essere registrato. Clicca qui per registrarti.

Non ci sono commenti per questo articolo.