Cremona. La preziosa Viola Medicea appartiene al maestro Bianchi. Si è conclusa in tribunale la causa civile

La Viola Medicea custodita per nove anni dal Comune

CREMONA - La preziosa viola Medicea, strumento uscito dalle mani  dei fratelli Amati nel 1595, è del maestro Luigi Bianchi. Questa mattina in tribunale a Cremona, davanti al giudice Giulio Borella, è avvenuta ufficialmente la restituzione, al termine di una lunga causa civile iniziata all’indomani del ritrovamento dello strumento da parte del Nucleo tutela del patrimonio artistico dei carabinieri. Lo Viola, rubata dall’auto del maestro Bianchi nel parcheggio della Scala nel 1980, il cui valore oggi è stimato intorno ai 700mila euro,  era stata ritrovata su un fienile nel milanese nel 2006. Da quel momento è partita la contesa giudiziaria: il maestro Bianchi, che aveva denunciato il furto all’epoca, nel 1981 era stato risarcito dalla Compagnia di assicurazione Markel: al momento del ritrovamento quest’ultima ha avviato una causa asserendo che la Viola a questo punto era sua. In sostanza voleva poter ottenere il bene per poi rivenderlo e recuperare il denaro già consegnato a Bianchi.

Ma il  maestro a sua volta in tribunale ha sostenuto di esserne lui il proprietario. Vista la contesa la Corte d’Appello di Milano, in attesa che si concludesse la vicenda ha assegnato, quale custode, al Comune di Cremona la Viola. La Markel intanto ha avviato una ingiunzione di restituzione, così come prevede la legge, davanti al Tribunale di Cremona, nei confronti sia del Comune, in quanto parte terza che del Bianchi. Alla fine il Tribunale di Roma ha sancito che la proprietà dello strumento è di Luigi Bianchi, il quale ha trovato un accordo economico con la Compagnia. Questa mattina tutto è stato ufficializzato e chiuso davanti al giudice: il Comune, a malincuore, ha restituito lo strumento  per mano del suo avvocato Enrico Cistriani, mentre il maestro Bianchi era rappresentato dai legali Marco Sbrocca e Marco Marianello e la compagnia assicurativa da Benedetta Orsini.

 

03/04/2013
© L'Inviato Srl - Riproduzione riservata